Il PDlab è un'Associazione scientifica, dotata di due centri clinici a Parma e Milano, che ha come obiettivi la cura, la ricerca, la formazione sui Disturbi di Personalità. L’associazione è formata da medici psichiatri, psicologi e psicoterapeuti presenti in varie città italiane, interessati allo studio della personalità e al trattamento dei suoi disturbi. E' attiva dal 2009 e i clinici che operano all'interno dell'associazione applicano la Transference Focused Psychotherapy, secondo il modello delle relazioni oggettuali: un trattamento psicodinamico intensivo per pazienti borderline e altri disturbi di personalità, organizzato e implementato dal Personality Disorders Institute del Weill Medical College e dal Personality Studies Institute, di New York, diretti da Otto F. Kernberg. Il PDlab fa parte di un network di istituzioni clinico-scientifiche, che condividono l'applicazione della TFP.

Area per i professionisti

Sei un professionista?

Clicca qui

Area per il pubblico

Sei un privato?

Clicca qui

NEWS

La minaccia di suicidio e di comportamenti autodistruttivi è un evento molto intenso e drammatico nel trattamento dei pazienti borderline e rappresenta l’aspetto che più frequentemente porta il terapeuta a deviare dal proprio ruolo nella psicoterapia esplorativa.
In questo contributo Rossella Di Pierro e colleghi si avventurano nell’esplorazione del tema contemporaneo sulla struttura del narcisismo patologico. In particolare, grazie all’adozione di tecniche di analisi avanzate, mettono in luce alcuni degli aspetti che sembrano caratterizzare in modo centrale questo tipo di funzionamento di personalità.
Inquadramenti generali sul narcisismo nella clinica - Ciclo di webinar
In ambito psicanalitico, sono contemplate almeno due interpretazioni del termine simbiotico.
In questo prezioso contributo del 2016 Otto Kernberg risponde alla domanda che include in sé il fervido dibattito, tra clinica e ricerca, degli ultimi anni: nuovi modelli diagnostici, prospettive di funzionamento, traiettorie di sviluppo specifiche, dimensioni utili alla formulazione di un adeguata cultura della prevenzione in età evolutiva.  Un breve estratto qui di seguito.
Segnaliamo questo ciclo di incontri dedicati ai disturbi gravi di personalità organizzato dall'AUSL Parma a cui partecipano come relatori il dott. Sergio Dazzi e la dott.ssa Chiara De Panfilis.
In questo recentissimo contributo, Ilaria M.A. Benzi e colleghi presentano lo sviluppo di uno strumento self-report (APS-Q) costruito a partire dall’IPOP-A (Fontana et al., 2020) per la valutazione dello sviluppo della personalità in adolescenza, utile in particolare per approfondire aree cruciali come il senso di sé, l’accettazione di sé, la sessualità, la qualità delle relazioni con i familiari e con i pari, l’aggressività e la presenza di investimenti e obiettivi. Qui di seguito, una breve introduzione su alcuni dei temi legati alla valutazione della personalità in adolescenza.
Intendiamo presentare alcune recenti riflessioni, originate all’interno del processo terapeutico di pazienti adolescenti e giovani adulti, che hanno orientato gli autori verso un approfondimento circa l’utilizzo di concetti psicodinamici nella fase di restituzione diagnostica ai familiari. Tale contributo si pone in continuità con l’eventuale sviluppo di successive estensioni delle procedure secondo un orientamento TFP.
Il PDlab è lieto di annunciare che sono aperte le iscrizioni al training TFP 2021 che si svolgerà completamente online. In allegato troverete la locandina con tutte le informazioni e il calendario, le lezioni inizieranno ad aprile 2021. Il corso è a numero chiuso e per iscriversi sarà necessario compilare un modulo di iscrizione e pagare una quota di partecipazione entro e non oltre il 31 marzo. Per maggiori informazioni sul corso o sulle modalità di iscrizione e di pagamento, contattateci alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..   Autore dell'immagine: Patrick Tomasso
La TFP ha come suo principio costitutivo l’interpretazione sistematica del transfert e la conseguente costruzione di una struttura di trattamento che permetta l’attivazione delle rappresentazioni oggettuali interne che il paziente ha di sé e degli altri, nella relazione presente tra paziente e terapeuta.