ARTICOLO SCIENTIFICO: Personality Disorders in Time of Pandemic

In questo recente contributo, Emanuele Preti e colleghi illustrano alcune interessanti evidenze in merito agli effetti psicologici negativi delle pandemie nelle persone con disturbi della personalità. In generale, il contributo traccia alcune ipotesi cliniche alla luce della letteratura attualmente disponibile sull’impatto sulla salute mentale dell’esperienza della pandemia.

In particolare, risultati recenti sembrano sottolineare che soggetti che presentano tratti paranoidei e di distacco (cluster A) potrebbero avere conseguenze psicologiche più gravi.

Questo è comprensibile se si pensa che in situazioni di pandemia, gli altri rappresentano potenziali minacce alla propria sopravvivenza, e l'intensa paura del contagio è una naturale reazione psicologica a questi eventi. Nel cluster A dei disturbi di personalità tuttavia, la paura di essere contagiati dei pazienti può esacerbare e intensificare le tendenze paranoiche preesistenti ed aumentare il sospetto verso gli altri, sostenendo di fatto rappresentazioni persecutorie preesistenti degli altri. Questo si comprende bene all'interno del quadro della teoria delle relazioni oggettuali di Kernberg, dove la patologia della personalità è sostenuta da un uso massiccio del meccanismo di difesa della scissione che porta i pazienti a dividere il mondo in oggetti buoni e cattivi, dando vita a una percezione del mondo instabile, polarizzata, dissociata, frammentata e distorta, sia per quanto riguarda l’immagine di sé sia per quella degli altri significativi.

In questo senso, la proiezione negli altri delle proprie parti negative contribuisce a una visione persecutoria degli altri, tipica dei pazienti con tendenze paranoidee.

I pazienti con di disturbi di personalità potrebbero allora essere particolarmente colpiti dall’esperienza della pandemia e potrebbero reagire in modo differente, in base alla loro diagnosi principale. Allo stesso modo, la compliance con le misure di mitigazione può essere diversa a seconda delle patologie di personalità specifiche.

Leggi l’articolo qui

Letto 410 volte